Image

21-Jun-19 · Amore, coppia, fertilità

Se lei guadagna più di lui: gli effetti sulla coppia

Cosa accade nella coppia quando la donna ha una posizione economica superiore a  quella del partner ? 

Realtà comune negli Stati Uniti, un po' meno in Italia, le coppie in cui lei guadagna più di lui sono comunque una novità nel panorama antropologico, e nuovi sono anche i problemi e i motivi di conflitto tra i partner. Se alcune coppie transitano facilmente e felicemente a questa insolita divisione dei ruoli, in molti casi invece nascono difficoltà e incomprensioni.

Virilità in pericolo

Se è la donna a ricoprire il ruolo più prestigioso dal punto di vista economico e sociale, l'uomo può sentirsi letteralmente castrato: si sente insicuro, la sua autostima è minacciata, persino la sua identità sessuale può essere intaccata. Non è raro che si instauri un meccanismo vendicativo, per cui, per rifarsi del senso di inferiorità che lei gli procura, l'uomo inconsciamente punisce la donna nella sfera sessuale, sviluppando disfunzioni sessuali o diventando infedele. Di conseguenza, lei arriva a mettere in dubbio la propria femminilità e a tormentarsi nei sensi di colpa. Si produce insomma una compromissione della sfera sessuale e relazionale per niente trascurabile. Anche al di là della sfera sessuale, il clima di coppia può essere appesantito da litigi e battutine sarcastiche; la gelosia e la rivalità possono indurre anche a "boicottare" i successi professionali di lei. Alcuni uomini reagiscono aumentando le ore di straordinario, altri invece diventano più bisognosi di attenzione e cure.

Perché tanto scalpore?

In tutte le epoche storiche, l'uomo si è sempre occupato di sostenere economicamente la famiglia, mentre la donna si è occupata della cura dei figli e della casa, o comunque, se anche svolgeva un'attività lavorativa, questa era subalterna rispetto a quella maschile. Portare a casa l'unica entrata economica, o in ogni caso quella più consistente, significava per l'uomo avere il potere decisionale. Malgrado i cambiamenti sopraggiunti, facciamo ancora fatica ad emanciparci da questa cultura patriarcale in cui il denaro significava potere e anche mascolinità. Comprensibile che sia faticoso per l'uomo, che viene a perdere un privilegio; più difficile capire che possa esserlo per la donna, eppure lo stereotipo culturale è così forte da provocare nella donna che guadagna di più sensi di colpa e dubbi sulla propria femminilità.

Un tabù sociale

La donna può vivere con imbarazzo la sua superiorità economica e tendere a enfatizzarla meno di fronte ad altri, di quanto potrebbe fare un uomo. Può sentirsi anche in colpa per il fatto di dedicarsi più al lavoro che alla famiglia, in contrasto con l'immagine tradizionale di femminilità che ancora stenta ad essere sradicata dal nostro inconscio. E in effetti, può realmente arrivare dall'esterno un parere critico, una disapprovazione di amici o parenti più o meno esplicita, che alimenta le pressioni e le tensioni nella coppia. Inoltre, per alleviare il senso di colpa, la donna può delegare al partner la gestione dei suoi guadagni, in un inconsapevole tentativo di risarcirlo e di "farsi perdonare". Le coppie in cui lei guadagna di più sono anche maggiormente a rischio di divorzio, perché la donna è più libera da remore di tipo finanziario e anzi, può desiderare di avere finalmente la piena indipendenza economica.

Non solo donne in carriera

Al di là di una piccola percentuale di donne manager in carriera, questo ribaltamento di ruoli è perlopiù una conseguenza delle nuove esigenze del mercato del lavoro, se non addirittura l'unica soluzione alla sopraggiunta disoccupazione del partner, in tempi di crisi economica. In effetti i casi in cui lei guadagna di più si collocano o nelle fasce molto alte, o, soprattutto in Italia, in quelle molto basse. Se la supremazia economica femminile è conseguenza di una drammatica perdita del lavoro da parte del compagno, il vissuto di inferiorità maschile può essere enfatizzato ulteriormente e le preoccupazioni economiche possono alimentare la tensione nella coppia.

Come ritrovare l’equilibrio
Bisognerebbe avere il coraggio di reinventare i ruoli maschili e femminili: se lei può dedicarsi al sostentamento economico della famiglia, lui può dedicarsi ai figli e occuparsi maggiormente della parte affettiva. L'uomo deve insomma imparare a basare la propria autostima anche su altri aspetti di sé. E' utile anche dividersi in modo equo le incombenze domestiche e parlare apertamente delle questioni finanziarie. E' importante che lei gli comunichi il proprio affetto e interesse, che lo aiuti a esprimere le sue emozioni e non gli rinfacci mai la sua supremazia economica, ma anzi rispetti sempre il suo parere nelle discussioni finanziarie. Meglio non fargli regali per attenuare il proprio senso di colpa, perché rimarcherebbero ancora di più la situazione. Piuttosto, è importante coinvolgere lui nel proprio lavoro, chiedergli consigli, proprio per farlo sentire parte di un mondo che altrimenti percepisce come una minaccia. È saggio anche ignorare i pregiudizi esterni e concentrarsi sul benessere della coppia, che può essere costruito anche su una distribuzione dei ruoli creativa e inusuale.

Image

Signorina lei ha bisogno d'affetto

Leggilo su ISSU